Visualizzazione post con etichetta giochi. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta giochi. Mostra tutti i post

16 aprile 2015

E' nata una città con due nomi: laboratorio a Lungotavolo45

Sabato scorso, a Lungotavolo45 Torino, è nata una nuova grande città di carta e ha due nomi, scegliete voi quello che più vi piace: La Città dei Bambini Liberi o La Città Fantastica.





Io li trovo perfetti entrambi, soprattutto perché sono stati i bambini ad inventarli.






Ci siamo divertiti molto a progettarla ed è stato bello, dopo averla costruita, poter camminare sulla città come giganti, guardandola dall'alto, scavalcandone ponti, palazzi e giardini.
Già, proprio così, perché questa volta per realizzarla siamo saliti su un grande tavolo, 12 m x 2 m. Ovviamente senza scarpe!








Tra gli edifici ce n'era uno che aspirava a raggiungere il cielo. Edificio, purtroppo, crollato presto, a causa di un'architettura che, impavida, sfidava molte leggi della fisica :-).
Non dimentichiamo, poi, la casa dell'unicorno, con il recinto.









Il laboratorio è il primo dei tre dedicati alla città, tenuti da me insieme a Francesca Chessa, a Lungotavolo45.
Per conoscere date e specifiche dei prossimi due cliccate qui.









Qui e qui trovate altre città di carta nate nel corso di miei precedenti laboratori.

25 luglio 2014

Week end di laboratori al Parco del Valentino... pioggia permettendo

Da giorni consulto le previsioni meteo e scruto il cielo, chissà se questo luglio cosi poco estivo ci lascerà giocare sul prato questo fine settimana?
Domani sabato 26 luglio e domenica 27, terrò, a partire dalle ore 16.00, due laboratori per Il Circolo dei Lettori al Parco del Valentino.
Entrambi gli incontri prendono spunto da un libro.





Sabato 26 luglio
Disegnare un Albero




Com'è fatto un albero, da cosa nasce, come si sviluppano i rami, le foglie hanno tutte la stessa forma?
Seguendo le indicazioni di Bruno Munari, dopo aver osservato gli alberi attorno a noi, proveremo a costruirne uno molto grande, di carta, steso sul prato. Poi ognuno disegnerà e aggiungerà ciò che vuole: foglie, nidi, animaletti, insetti, fiori, scarabocchi, lettere dell'alfabeto, ecc.



Domenica 27 luglio
Animali nel prato




Incontri, giochi, agguati, inseguimenti: il prato nasconde tante storie inaspettate.
Il libro di Iela Mari ne svelerà alcune, noi costruiremo le nostre con disegni a più strati intercambiabli.


Per bambini 5-11 anni | ingresso € 5
Durata: 2 ore
Prenotazione consigliata 011 4326827
Il punto di ritrovo è all'ingresso del Castello medioevale, davanti al pozzo. Ore 16.00
In caso di pioggia i laboratori non si terranno.


09 aprile 2014

Una nuova Città di Carta

Qualche giorno fa è nata una nuova città di carta, coloratissima.
All'inizio del laboratorio i bambini hanno avuto qualche perplessità sul concetto di città verticale e non piatta, disegnata, ma una volta compreso ecco sorgere un circo col lampadario verde, delle casette, un negozio, la scuola, una casa sull'albero, un semaforo e anche una cuccia per il cane. Dimenticavo il sole un po' stanco che si prepara a tramontare.













08 agosto 2013

Prove tecniche per un prossimo laboratorio: le sagome

Prendi una bella mattina d'agosto, un parco ombroso con il prato appena tagliato, un gruppo di amiche - grandi e piccine - con la voglia di giocare, fogli di carta da pacchi e colori di ogni tipo. Ecco gli ingredienti perfetti per sperimentare un laboratorio e prendere utili appunti.
L'idea è stata quella di lavorare sulle nostre sagome, tracciarle e poi riempirle in piena libertà.




Il laboratorio delle sagome mi ha sempre incuriosito ed è mia intenzione proporlo tra quelli della prossima stagione, ma prima di farlo dovevo provarlo, come sempre, in prima persona e osservare in particolare le reazioni spontanee dei bambini.
L'interno della sagoma dovrebbe essere il luogo dove esprimersi in piena libertà con i colori e le varie tecniche, dove inserire i propri sogni, segreti, le proprie emozioni, le parole più belle o le paure, ma riuscirci è così semplice come sembra? NO, affatto.




Osservazioni sul campo:

- farsi tracciare la sagoma e vedere, poi, com'è venuta è molto divertente
- la paura del foglio bianco, in questo caso della sagoma bianca, fa capolino sia nei bambini (quelli presenti avevano tra i 7 e i 10 anni) che negli adulti ed è il primo ostacolo da superare
- i bambini tendono per prima cosa a disegnare i vestiti, anche se la sollecitazione è quella di sperimentare e di lasciarsi andare con la fantasia. Più la richiesta è diretta più la reazione è di blocco e si ricorre a ciò che è più sicuro (i vestiti). E' evidente la paura di sbagliare e di non essere all'altezza delle aspettative. La prima frase pronunciata è stata: "Non so cosa fare"
- i bambini sono curiosi dei disegni altrui e delle tecniche che vedono usare e spesso ne prendono spunto chiedendo ulteriori informazioni, per questo per indurli a sperimentare, più che spiegare come si fa, è meglio mostrarglielo lavorando, se necessario fingendo di non rivolgersi a loro.
- gli adulti si immergono completamente nel lavoro
- per quanto mi riguarda, inizialmente ho dovuto combattere con il mio senso estetico. Non volevo fare un disegno bello, pensato, ma liberatorio
- nessuno di noi ha usato parole o lettere o disegni realistici (tranne i vestiti, tracciati solo dai bambini).


 




 Appunti :
- il laboratorio delle sagome è ottimo per adulti e bambini, serve a lasciarsi andare e a sbloccarsi. Ci siamo devertite tutte e molto
- più materiali e colori si hanno a disposizione e meglio è
- una volta a casa mi sono venute mille nuove idee su come riempire la mia sagoma
- il laboratorio andrebbe ripetuto più volte a distanza di tempo, penso aiuterebbe il processo creativo
- i bambini si trovano spesso in difficoltà  di fronte a richieste dirette di raccontare sè stessi, inoltre molti sono insicuri e la paura di sbagliare li blocca, per questo prima di proporre le sagome, credo bisognerebbe tenere una serie di laboratori di sperimentazione, suggeriti dall'esperienza di Munari, come quello dei punti, delle linee, dei colori, delle texture, ecc. Laboratori che li aiutino ad acquisire nuovi mezzi espressivi per comunicare, anche solo con semplici segni astratti, la loro emotività.
- la prossima volta prima di iniziare proveremo a sederci ognuno dentro la nostra sagoma, a occhi chiusi, cercando di visualizzare colori, segni, parole, ecc.
- con i bambini si potrebbe anche usare una favola introduttiva o una "formula magica", scaccia paure, seguita magari da un bel salto a piè pari dentro al disegno (Mary Poppins insegna).





Al momento gli appunti sul laboratorio delle sagome terminano qui, non escludo di ampliarli prossimamente. I miei laboratori sono in continuo divenire. Se avete riflessioni, esperienze o suggerimenti da condividere sarò molto felice di leggerli e pubblicarli.



Le foto di questo post sono di Mimmi Moretti.

14 giugno 2013

Opere Oscillanti e Corone: due miei laboratori a conclusione della stagione

Questa stagione dei miei laboratori si è conclusa, riprenderò in autunno. Sono stati mesi divertenti e pieni di sorprese, sorprese come solo la creatività e la fantasia dei bambini possono regalare. Ogni volta c'è qualcosa che lascia stupefatti: un disegno, l'uso dei colori e lo stupore nel vedere come si formano, una parola, un autoritratto sonoro, una connessione d'idee, la trasformazione di un segno, una favola inventata al momento, oppure l'incredibile capacità di comprendersi gli uni con gli altri. E io mi ritengo privilegiata a far parte di tutto ciò. Per questo i miei laboratori hanno come fine ultimo quello di mantenere la fantasia dei bambini aperta a 360°, con la possibilità di sperimentare il più possibile in campi tra loro diversi, senza preoccuparsi del risultato finale.


Opera Oscillante con Pesci


Tra gli ultimi appuntamenti di giugno c'è stata anche la partecipazione al Family Day organizzato da Italdesign Giugiaro, per il quale mi sono stati richiesti due laboratori: Le Opere Oscillanti e le Corone. Non avevo mai lavorato con così tanti bambini tutti insieme, a ciclo continuo per molte ore. Ovviamente ho dovuto modificare un po' il mio solito modo di procedere ma alla fine tutto è andato benissimo: sono rientrata a casa distutta ma felice.


Opera Oscillante un po' futurista


Una delle idee di cui vado più fiera, quest'anno, sono le Opere Oscillanti (le due nelle foto sono fatte da me). Come si può facilmente intuire le suggestioni sono arrivate da Calder e, anche se in misura minore, dai Futuristi.
Le Opere sono semplici da costruire ma il risultato dà sempre grande soddisfazione e vi assicuro che anche gli adulti si possono divertire molto. I materiali sono: una base di cartone spesso, da scatolone, fili di "spago magico" (spago speciale con anima di ferro, rivestito con carta), scotch, cartoncini colorati e colla. Lo spago fa da piedistallo e si può modellare a piacere, la cosa divertente è che in questo modo le opere sono flessibili e oscillano.


Sagome di Corone preparate per il Family Day


Anche le corone riscuotono sempre grande successo, la differenza, però, è che sia nel caso del Family Day che in quello del compleanno nel parco, dello scorso anno, ho dovuto utilizzare sagome già preparate da me, cosa che preferisco non fare. La fantasia dei bambini si è potuta esprimere solo nella parte dei decori, ma i partecipanti erano troppi e il tempo poco. Inoltre, le corone sono divertenti da indossare, diventando prima possibile un re o una regina.

Ringrazio per le foto qui pubblicate Mimmi Moretti, una cara amica alla quale debbo la maggior parte della documentazione fotografica dei miei laboratori. In questo post mancano le opere realizzate dai bambini, spero fra poco tempo di riuscire a recuperarne un po' (è sempre difficile) e pubblicarle.

04 aprile 2013

I Miei Laboratori per Bambini a Torino: Aprile

Ecco i miei laboratori creativi di aprile dedicati ai bambini. Questo mese oltre ai consueti appuntamenti del giovedì pomeriggio alla libreria Il Gatto Immaginario, terrò 2 laboratori nella sede dell'associazione ViaVerdiVenti. Il 9 aprile inizierà a Collegno "Il Mio Autoritratto" per bimbi tra gli 8 e gli 11 anni (qui maggiori informazioni).






Laboratori IL GATTO IMMAGINARIO 
via Pollenzo 9, Torino -  Tel. 011 57 87 815

n.b.  I primi due laboratori sono collegati ma si può partecipare anche a uno solo dei due.

Giovedì 4 aprile 2013 - Ore 17
SPERIMENTIAMO
Acrilici, pennelli, spugne, cartoncini, texture, ecc: prepareremo fogli colori provando varie tecniche e materiali.

Giovedì 11 aprile 2013 - Ore 17
DISEGNAMO COME ERIC CARLE
Utilizzando i fogli colorati preparati nel laboratorio precedente, ci divertiremo a inventare illustrazioni alla maniera di Eric Carle, autore di tanti celebri libri per bambini tra cui Il Piccolo Bruco Maisazio.

Giovedì 18 aprile 2013 - Ore 17
LA PRIMAVERA IN 3D
Cartoncini, colori, forbici e colla per costruire uno scenario di primavera a più dimensioni.



Laboratori VIAVERDIVENTI
via Verdi 20, Torino 
Per informazioni e prenotazioni scrivere a viaverdiventi@gmail.com

Mercoledì 10 aprile 2013 - Ore 17
GLI ANIMALI DISTRATTI
C'era una volta un pianeta abitato da insoliti animali di carta e cartone molto simpatici ma estremamente distratti: avevano l'abitudine di perdere code, colli, zampe, ecc per strada senza accorgersene. Fu così che alla fine si ritrovarono tutti smontati. Ora è arrivata una misteriosa lettera con bizzarre istruzioni di montaggio e bisogna ricostruirli.
Gli ingredienti sono: fantasia, cartone e cartoncino, batuffoli di cotone, spago magico, colla e chiodini per rendere alcune parti snodabili.

Mercoledì 24 aprile 2013 - Ore 17
LA BALENA MANGIONA
Tra le onde del mare c'è una balena che sorride e sta sempre a bocca aperta.
Costruiremo un piccolo libro a "matrioska" per scoprire quante cose ha ingoiato la balena senza accorgersene. Il Laboratorio è ispirato al libro di Bruno Munari "Toc Toc chi è? Apri la porta".
(vedi qui il post dedicato).




07 marzo 2013

La Fantasia in Gioco: i miei laboratori creativi per bambini, in marzo a Torino

Questo mese potrete partecipare ai miei laboratori ogni giovedì alle 17.00 alla libreria Il Gatto Immaginario di Torino. Per quanto riguarda gli incontri alla Gang del Pensiero, sono in fase di programmazione e dovrebbero riprendere ad aprile. Vi terrò aggiornati.
Intanto vi anticipo che dopo le vacanze di Pasqua partirà a Collegno un laboratorio molto particolare, tenuto da me e dalla psicoterapeuta infantile Marianna Palitto, dedicato all'autoritratto. Destinatari i bambini tra gli 8 e gli 11 anni. Maggiori dettagli e informazioni di contatto nei prossimi post.





 
Laboratori IL GATTO IMMAGINARIO 
via Pollenzo 9, Torino -  Tel. 011 57 87 815


Giovedì 7 marzo 2013 - Ore 17
DISEGNI DI STOFFA
Stoffe di tanti colori e fantasie da usare nei nostri disegni.

Giovedì 14 marzo 2013 - Ore 17
IL LIBRO MAGICO
Con la carta colorata costruiremo un piccolo libro dove ogni pagina sarà una sorpresa.
Giovedì 21 marzo 2013 - Ore 17
ANIMALI DI FANTASIA
Cartone, spago magico, batuffoli di cotone, cartoncino e chiodini per inventare 
animali con zampe, colli e code che si muovono.

Giovedì 28 marzo 2013 - Ore 17
IL MIO NOME DIVENTA ARTE
Comporremo un quadro astratto partendo dal nostro nome scritto con i pennelli.

10 gennaio 2013

I Miei Laboratori di Gennaio a Torino

Colori, figure nascoste nei fogli, pesci portatili e un pianeta alla rovescio: riprendono da questa settimana i miei laboratori creativi dedicati ai bambini. Sarò tutti i giovedì pomeriggio, alle ore 17.00, alla libreria Il Gatto Immaginario, e ogni sabato, alle 16.00, alla libreria La Gang del Pensiero.




Laboratori del Giovedì

IL GATTO IMMAGINARIO 
via Pollenzo 9, Torino -  Tel. 011 57 87 815

I laboratori di questo mese al Gatto Immaginario saranno interamente dedicati alla scoperta dei colori. Useremo pennelli, tempere e acrilici.

Giovedì 10 gennaio 2013 - Ore 17
GIOCHIAMO CON I PRIMARI
Ci divertiremo a scoprire il rosso, il giallo e il blu dipingendo in libertà, poi vedremo i diversi effetti se accostati al bianco e al nero.  

Giovedì  17 gennaio 2013 - Ore 17
COME NASCONO I COLORI? 
Quando il rosso, il giallo e il blu si incontrano ne combinano di tutti i Colori!
Sperimenteremo i secondari: arancio, verde e viola + il marrone.

Giovedì 24 gennaio 2013 - Ore 17
ARRIVANO IL BIANCO E IL NERO
Cosa accade se ai colori aggiungo il bianco e il nero? Giocheremo a cambiare la luminosità dei nostri colori preferiti.

Giovedì 31 gennaio 2013 - Ore 17
COLORI CALDI E FREDDI
Giocheremo con i colori caldi e freddi scoprendone le diverse profondità. 



Laboratori del sabato

LA GANG DEL PENSIERO 
corso Telesio 99, Torino - Tel. 011 77 32 338

Alla Gang ci divertiremo con carta, parole, colori e pennelli in laboratori di solito molto amati dai bambini. E' consigliata la prenotazione, in particolare per "L'Acquario Portatile".

Sabato 12 gennaio 2013 - Ore 16
COSA SI NASCONDE NEL FOGLIO? 
Scopriremo quante cose possono nascere da un foglio strappato in tante forme diverse e casuali. Ispirato al "laboratorio degli strappi" di Bruno Munari.

Sabato 19 gennaio 2013 - Ore 16
L'ACQUARIO PORTATILE
Una scatola, colori, fili e tanti pesci da disegnare per costruire il nostro acquario.
 
Sabato 26 gennaio 2013 - Ore 16
Il PIANETA ALLA ROVESCIA
Ci divertiremo a inventare e disegnare un pianeta dove tutto è al contario.
Per maggiori dettagli vedi post

30 novembre 2012

La Fantasia in Gioco: i miei laboratori creativi per bambini, in dicembre a Torino

Un cappello magico per la Vigilia, timbri per una personalissima carta regalo, ritratti pazzi e divertenti, animaletti di fantasia: ecco gli ingredienti dei miei laboratori di dicembre. In questo mese proseguiranno gli appuntamenti al Gatto Immaginario, spostati ora al giovedì, e il 9 dicembre inaugurerò la collaborazione con la bella libreria La Gang del Pensiero. Prendete, quindi, carta e penna e segnate giorno, ora e luogo dei laboratori.


Età consigliata 5 - 10 anni

Libreria Il Gatto Immaginario -Via Pollenzo 9, Torino - tel. 011 5787815
Giovedì 6 dicembre 2012 - Ore 17.00    
IL CAPPELLO MAGICO DI NATALE
Ogni bambino inventerà e costruirà il suo cappello magico dei desideri, da indossare la notte della Vigilia in attesa di Babbo Natale.


Libreria La Gang del Pensiero - Corso Telesio 99, Torino - tel. 011 7732338
Domenica 9 dicembre 2012 - Ore 16.30
LA FANTASIA IN GIOCO  
Quante cose divertenti possono prendere vita dalle forme di cartone colorato! 
Prima proveremo a realizzare ritratti inventati (qualche esempio qui), ispirandoci a Picasso, poi passeremo agli animali - con zampe, colli e code snodabili - da appendere. Per partecipare bisogna prenotarsi.
In questa occasione presenteremo anche i laboratori in programma, il sabato, a Gennaio.


Libreria Il Gatto Immaginario -Via Pollenzo 9, Torino - tel. 011 5787815
Giovedì 13 dicembre 2012 - Ore 17.00    
CARTA REGALO CON TIMBRI
Grazie ad un materiale molto morbido, facile da incidere, e a pezzetti di legno, ogni bambino potrà disegnare e realizzare i propri timbri con cui trasformerà della semplice carta bianca o da pacchi in una festosa carta regalo.

04 ottobre 2012

Re e Regine d'Autunno: laboratorio al parco

Compleanno con laboratorio al Parco della Tesoriera di Torino, nel primo giorno d'Autunno.


"Venite", disse un giorno il vento alle foglie.
"Venite sul prato e giocheremo.
Indossate i vostri vestiti più belli, rossi, verdi, marroni e oro.
Poiché l'estate se n'è andata 
e le giornate si fan fredde." 
E' arrivato l'Autunno!
Re e Regine con corone sopraffine 
gli danno il benvenuto con un bello starnuto!

 
Re e Regine hanno ascoltato in rigoroso silenzio la filastrocca di apertura celebrazioni e, dopo aver starnutito rumorosamente, sono corsi a costruirsi coloratissime e molto personali corone di cartone.




In questo caso ho optato per una base già ritagliata a cui i bambini hanno aggiunto cartoncini colorati e coccarde di ogni forma. C'erano bimbi di età molto diverse e volevo che ognuno riuscisse a finire in breve la propria corona per indossarla e giocarci. In una sede diversa e con più tempo la cosa migliore è fare disegnare e costruire tutto a loro.




Il laboratorio è andato molto bene è io ho avuto massima soddisfazione quando spiegando ad una bimba quello che avremmo fatto ho visto i suoi occhi illuminarsi e diventare stellati. Era entrata nella favola. E cosa c'è di più bello?

 



18 settembre 2012

Il pianeta alla rovescia

Ieri pomeriggio stavo lavorando ad una possibile scaletta dei miei laboratori per la nuova stagione, così ho passato al vaglio quelli tenuti nei mesi passati. Fino ad ora, non mi ero resa conto di aver fatto così tanto. Cambiare tema ogni settimana per mesi, cercando di mantenere una buona qualità è estremamente impegnativo ma anche molto stimolante. Io sperimento e prendo appunti. Tengo un diario di tutti i laboratori, con i pro e i contro, le possibili modifiche e una valutazione generale, dove le domande fondamentali sono: i bambini si sono divertiti? Cos'hanno imparato?
Tra i miei laboratori preferiti per soddisfazione personale e dei bambini, c'è sicuramente "Il Pianeta alla rovescia".
Nel "Pianeta alla rovescia" abbiamo inventato un paese dove nulla può essere come nella realtà. Ogni
cosa conosciuta deve variare in uno o più aspetti, per esempio: peso, colore, forma, stato, odore, ecc.


Il laboratorio era stato pensato per aiutare i bambini bloccati o "inquadrati" dalla continua paura di sbagliare o di non essere all'altezza. In un Paese dove tutto è "sbagliato", non esistono metri di paragone, quindi non si corre pericolo. Questo concetto è stato enunciato ad alta voce all'inizio del gioco. Il risultato è andato oltre le mie aspettative: non solo tutti i presenti hanno partecipato attivamente con grande entusiasmo, ma da subito è risultato evidente quanto quel momento avesse anche una importante valenza liberatoria per loro. I più timidi, sempre attenti e pronti a votare le proposte del gruppo, si sono espressi al meglio nella seconda parte, quando gli è stato chiesto di disegnare il paese che avevano inventato.



Nel Mondo alla Rovescia i bambini sanno volare e hanno le ali, gli adulti no e per farlo si servono di enormi farfalle colorate, con conseguente problema di traffico di farfalle. Le città sono in aria e così le case. Forse solo le case. I letti dei bambini sono le nuvole. In questo paese i fiori puzzano, sono rari e di piccolissime dimensioni. Enormi e profumati sono, invece, gli insetti.
Una delle cose più divertenti è la gara delle lumache che dura giorni e giorni poiché vince chi arriva ultimo. Gli alberi sono quadrati e hanno frutti enormi. Gli squali camminano verticali sulla coda e amano molto nuotare nel mare di caramelle. I gatti e i cani hanno 4 orecchie. I leoni sono un po' miopi e portano gli occhiali, mentre le tigri si vergognano un po' a causa del loro manto a pallini, a strisce o a quadretti che li fà sembrare sempre in pigiama.


Le pizze hanno svariate forme e colori, ma quella che piace di più è quella a cubo.
In questo paese una delle cose più strane è la scuola. E' aperta 7 giorni su 7 e gli scolari sono i maestri. I bambini gli insegnano a fare i capricci, a parlare sempre tra loro, a farsi boccacce e dispetti ma loro non imparano e prendono solo voti che vanno da 2 a 0.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...